Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

 
FacebookTwitter
Venerdì, 20 Aprile 2012 17:52

Approvata la dichiarazione scritta sul pesce bene comune

Vota questo articolo
(0 Voti)

L`Europarlamento in sessione plenaria approva la dichiarazione scritta sul pesce bene comune

- Il Parlamento europeo ha approvato il 18 aprile in sessione plenaria la dichiarazione scritta n. 47, sul ‘pesce bene comune’ a firma degli onorevoli Guido Milana, Kriton Arsenis, Raul Romeva i Rueda, Maria do Céu Patrão Neves e Corinne Lepage. Come sottolineato dall’on.le Anni Podimata, che ha presieduto l’aula in qualità di vice-presidente dell`Europarlamento, la dichiarazione scritta ha superato la soglia di firme necessarie e si considera, quindi, approvata.

 

L’approvazione di questa dichiarazione – commenta in aula l’onorevole Milana, promotore della dichiarazione scritta – indica alla Commissione un percorso preciso sulla necessità di rendere diffusa una condotta responsabile, sia tra le comunità dei pescatori che nei comportamenti dei consumatori”.

Milana ha poi continuato affermando che, “il dibattito sulla riforma della politica comune della pesca ha, da oggi, una ragione in più per sostenere azioni che facciano uscire la politica europea dal ristretto angolo sulle modalità del prelievo delle risorse e su una politica di regole tutte rivolte all`interno. Al contrario, suggerisce una strategia sul mare come luogo privilegiato per aumentare la sua capacità di riproduzione, sia nelle acque interne che attraverso modalità innovative negli accordi di pesca con i Paesi terzi”.

La campagna sul ‘pesce bene comune’ intende, infatti, richiamare l`attenzione dell’opinione pubblica sul progressivo impoverimento delle risorse ittiche: molti stock sono soggetti a uno sfruttamento eccessivo. Identificare il pesce come una risorsa comune significa metterla definitivamente al riparo da pratiche di sfruttamento che sono in grado di creare solo conseguenze negative.

Strasburgo 18 Aprile 2012

L’intervento in aula dell’eurodeputato Guido Milana, promotore dell'iniziativa,

al momento dell’approvazione della dichiarazione scritta:

Ringrazio i colleghi Arsenis, Patrao-Neves e Romeva, e i loro assistenti, per aver contribuito in maniera sostanziale al successo di questa iniziativa. Pesce bene comune, poiché  esso fornisce il 15% delle proteine ad oltre tre miliardi di persone e la vita di oltre 500 milioni dipende dalla pesca e dall’acquacoltura, ciò lo rende un vero e proprio bene pubblico globale. L’approvazione di questa dichiarazione, indica alla Commissione un percorso preciso sulla necessità di rendere diffusa una condotta responsabile, sia tra le comunità dei pescatori che nei comportamenti dei consumatori. Il dibattito sulla riforma della politica comune della pesca ha, da oggi, una ragione in più per sostenere azioni che facciano uscire la politica europea dal ristretto angolo sulle modalità del prelievo delle risorse e su una politica di regole tutte rivolte all’interno. Al contrario, suggerisce una strategia sul mare come luogo privilegiato per aumentare la sua capacità di riproduzione, sia nelle acque interne che attraverso modalità innovative negli accordi di pesca con i Paesi terzi. Del resto, tutto ciò non è solo la salvaguardia dell’ambiente e il mantenimento della biodiversità, ma anche pesca responsabile, sostenibilità economica e sociale, interesse preciso dei pescatori e delle nostre economie”.

(comunicato stampa dall'ufficio dell'On. Guido Milana)

Vedi precedente articolo
Dichiarazione Scritta n 47

Letto 7863 volte

Puoi sostenere il lavoro di APR
con una donazione

Sostengono APR

Poster UE
Pesci del Mediterraneo
Clicca sulle immagini per scaricare i pdf

-

Glossario scientifico GFCM in inglese