Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

 
FacebookTwitter
Martedì, 14 Giugno 2011 13:49

Riduzione delle quote di tonno rosso per la pesca ricreativa

Vota questo articolo
(0 Voti)
A seguito del superamento del contingente di cattura stabilito per i palangari e dell'eccesso di catture accessorie ed illegali, le quote assegnate alla pesca ricreativa sono state ridotte da 50 tonnellate a 10 tonnellate e per il sistema a circuizione da 1358 a 1169 tonnellate così come riportato sul Decreto del 9 giugno 2011 del MIPAAF.

I pesci pescati in eccesso e quelli illegali non vengono riferiti al tipo di pesca che li ha prodotti ma vengono sottratti in modo indifferenziato da tutte le quote assegnate

Aggiornamento 24 giugno
La quota assegnata alla pesca sportiva e ricreativa è stata reintegrata a 50t 
Decreto MIPAAF
La copertura delle catture accessorie accertate (32 tonnellate) e di quelle illegali (51 tonnellate) deve essere garantita dalla cosiddetta 'quota non divisa' prevista per l'anno 2011 di 17 tonnellate.
La Commissione UE ha imposto la immediata copertura di queste 83 tonnellate. Il Ministero ha provveduto all'incremento consequenziale della quota indivisa attingendo ai contingenti assegnati alla pesca a circuizione e a quella ricreativa.
Lo sforamento di quota da parte della pesca con il palangaro è stata accertata a 162 tonnellate e anche in questo caso l'ammanco reclamato dalla Unione Europea è stato diviso tra i diversi tipi di pesca.
In pratica i pesci pescati in eccesso e quelli illegali non vengono riferiti al tipo di pesca che li ha prodotti e vengono sottratti in modo indifferenziato da tutte le quote assegnate.
Così andare fuori quota premia, permettendo di utilizzare parte delle quote degli altri. Sarebbe invece razionale che le singole quote fossero gestite con una percentuale lasciata di scorta. Un cuscinetto che non sarebbe mai perso ma comunque consumato dal quel tipo di pesca.
Invece di pagare i debiti si potrebbero riscuotere crediti.
Questo sistema incentiva la corsa al consumo delle quote e capiamo che possa andare bene per i professionisti che non hanno interesse a lavorare più tempo per guadagnare gli stessi soldi ma non per i pescatori ricreativi che vogliono pescare tonni anche rilasciandoli e possono rilasciarli per non eccedere la loro quota piuttosto che consumarla velocemente poi non poter più andare a pesca.
Il fatto che non possano più andare a pesca perché altri tipi di pesca utilizzano parte della la loro quota è inaccettabile e contrario ad un principio di equità. 





Letto 11139 volte

Tag tonno rosso

Album fotografico

Puoi sostenere il lavoro di APR
con una donazione

Sostengono APR

Poster UE
Pesci del Mediterraneo
Clicca sulle immagini per scaricare i pdf

-

Glossario scientifico GFCM in inglese