Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

 
FacebookTwitter
Sabato, 21 Gennaio 2012 14:41

Ambiente e Servizi Ecosistemici

Vota questo articolo
(0 Voti)

Si sta sviluppando negli ultimi anni una tendenza ad affrontare le questioni ambientali con un approccio detto dei Servizi Ecosistemici (Ecosystem Services). Una definizione di cosa siano tali servizi la si trova nel report Millennium Ecosystem Assessment (MA), 2005. ECOSYSTEMS AND HUMAN WELL-BEING: WETLANDS AND WATER Synthesis. World Resources Institute, Washington, DC. Copyright © 2005 World Resources Institute, Millennium www.maweb.org/documents/document.358.aspx.pdf

Come definito dalla MA i Sevizi Ecosistemici sono "i benefici che le persone ottengono dall'ecosistema". Questi includono i servizi di approvigionamento come cibo ed acqua, i servizi di regolazione come ad esempio la regolazione delle inondazioni, della siccità e del degrado del suolo; servizi di supporto come la formazione del terreno e il ciclo dei nutrienti e servizi culturali come benefici ricreativi, spirituali, religiosi ed altri benefici non materiali.

 

"Science for Environment Policy": European Commission DG Environment News Alert Service, edited by SCU, The University of the West of England, nel bollettino del 19 gennaio 2012, http://ec.europa.eu/environment/integration/research/newsalert/pdf/269na6.pdf fornisce notizia di un recente studio secondo il quale la maggior parte delle specie presenti in un ecosistema aiuta a fornire servizi ecosistemici essenziali. I ricercatori hanno scoperto che l'84% delle specie in un ecosistema di prateria hanno contribuito ad almeno un servizio ecosistemico. Perdere anche una sola di queste specie può degradare il servizi ecosistemici che un ambiente è in grado di fornire.

I risultati suggeriscono che, seguendo il principio precauzionale, gli ambientalisti dovrebbero proteggere tutte le specie in un ecosistema in quanto non possono essere sicuri di quali di essi  contribuiscono alla fornitura di servizi ecosistemici, e in che modo possano farlo se le condizioni cambiano. Dato che ogni specie potrebbe contribuire alla funzione degli ecosistemi, i risultati suggeriscono anche la scarsa ridondanza funzionale: se una specie è perduta, è raro che ci siano altre specie in grado di contribuire in ugual modo ai servizi  da essa forniti.

I servizi  ecosistemici  sono alla base di molti dei servizi fondamentali da cui dipendono le nostre società, tra cui la disponibilità di acqua potabile, l'assorbimento di carbonio e l'impollinazione delle colture. Ci sono dunque importanti ragioni sociali ed economiche per la loro protezione, ove possibile.

I risultati di questo studio suggeriscono che altri studi sulla biodiversità  hanno sottovalutato il numero di specie necessarie a mantenere i servizi ecosistemici ad un buon livello. Studi precedenti hanno definito che è necessaria la presenza di più specie per fornire servizi ecosistemici per lunghi periodi di tempo o di grandi aree. Essi hanno anche suggerito che diverse specie contribuiscono a diversi servizi, o che specie diverse saranno necessarie per mantenere o migliorare questi servizi a seguito di cambiamenti ambientali in futuro. Tuttavia, questi studi non hanno esaminato la quantità di specie  necessarie per mantenere molte differenti funzioni dell'ecosistema in diverse condizioni ambientali.

Questa ultima ricerca è il primo tentativo di guardare a tutte queste variabili in una singola analisi, come sopra descritto.

Per farlo, i ricercatori hanno esaminato i dati da 17 separati esperimenti sulla biodiveristà, esaminando un totale di 147 specie negli ecosistemi di prateria in anni e luoghi diversi, simulando scenari  futuri di cambiamenti ambientali o attraverso differenti funzioni degli ecosistemi. Ogni ora, il luogo, la funzione dell'ecosistema o lo scenario di cambiamento ambientale è stato descritto come un separato 'contesto'.

I ricercatori hanno prima esaminato il numero di specie che contribuiscono ad una unica funzione ecosistemica in ogni contesto. In seguito hanno analizzato quante specie diverse contribuiscono a servizi ecosistemici in contesti diversi, prima di quantificare l'incremento del  numero di specie quando altri  contesti  sono stati aggiunti all'analisi.

Essi hanno scoperto che, in un unico contesto, circa il 27% delle specie promuove servizi ecosistemici, e questa percentuale  è rimasta costante indipendentemente dal numero di specie presenti. Quando i ricercatori hanno esaminato se specie diverse contribuiscono alla funzione degli ecosistemi in contesti leggermente diversi (per esempio, guardando la stessa funzione, stesso luogo e scenario ma anno diverso), hanno trovato una sovrapposizione  limitata tra i gruppi di specie che forniscono servizi. Più specie promuovono il  funzionamento dell'ecosistema quanti  più contesti sono stati presi in considerazione. Per esempio, sono necessarie più specie  per promuovere diversi servizi ecosistemici negli anni di quante ne siano necessarie per promuovere diversi servizi ecosistemici in un  solo anno. Incrementando i contesti aumenta anche il numero di specie che contribuisce positivamente alla funzione degli ecosistemi.

Tali risultati suggeriscono,  agli  ambientalisti e agli altri responsabili della gestione della biodiversità, la necessità di proteggere il maggior numero possibile di specie in un ecosistema  per mantenere la fornitura di servizi ecosistemici. In particolare, lo studio ha rivelato per la prima volta che quasi tutte le specie (sia comuni che rare) in un ecosistema hanno  contribuito almeno una volta per il funzionamento di questo ecosistema e che i loro contributi sono stati dipendenti dal contesto, il che rende difficile prevedere gli effetti di perdere anche una sola specie.

Fonte: Isbell, F., Calcagno, V., Ettore, A., et al (2011). High plant diversity is needed to maintain ecosystem services. Nature.  477:  199-202.

Contatto: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Theme (s): Biodiversità

Letto 10991 volte

Tag tonno rosso

Album fotografico

Puoi sostenere il lavoro di APR
con una donazione

Sostengono APR

Poster UE
Pesci del Mediterraneo
Clicca sulle immagini per scaricare i pdf

-

Glossario scientifico GFCM in inglese