Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

 
FacebookTwitter
Domenica, 06 Maggio 2012 14:38

Biodiversità - Prossima fermata 2020

Vota questo articolo
(0 Voti)

Lo scorso 20 aprile il Parlamento  UE ha approvato il seguente  testo:

La nostra assicurazione sulla vita, il nostro capitale naturale: strategia dell'UE sulla biodiversità fino al 2020

[...]A.  considerando che l'Unione europea non è riuscita a raggiungere il suo obiettivo in materia di biodiversità entro il 2010;[...]

Il Parlamento Europeo identifica una serie di azioni da intraprendere, traguardando il 2020, suddividendole per tipologia.

  • Osservazioni generali

[...]

3. rileva l'urgente necessità di intervenire e la necessità di attribuire una maggiore priorità politica alla biodiversità, al fine di raggiungere l'obiettivo chiave dell'UE per la biodiversità per il 2020 e rispettare gli impegni internazionali per la biodiversità; pone l'accento sul fatto che, ove sussistano risorse finanziarie adeguate e la necessaria volontà politica, è possibile, attraverso gli strumenti già disponibili, arrestare la perdita di biodiversità; sottolinea che la preservazione della biodiversità è una sfida collettiva da affrontare con l'impegno e il coinvolgimento delle diverse parti interessate

[...]

  • Obiettivi – l'integrazione della biodiversità in tutte le politiche dell'Unione europea

[...]

16.  sottolinea che la perdita di biodiversità ha per la società un costo economico devastante, fino ad ora non sufficientemente integrato nelle politiche economiche e di altra natura; esorta pertanto la Commissione e gli Stati membri a determinare il valore dei servizi ecosistemici e a integrare tale valore nei sistemi contabili quale base per politiche più sostenibili; reputa impraticabile ogni modello economico che non tenga conto della buona preservazione della biodiversità; sottolinea inoltre che gli interventi volti a ripristinare gli ecosistemi e la biodiversità possono contribuire in modo significativo a creare nuove competenze, posti di lavoro e opportunità commerciali;

[...]

  • Conservare e ripristinare l'ambiente naturale

[...]

27.  appoggia il maggiore ricorso alle valutazioni dell'impatto ambientale (VIA), alle valutazioni d'impatto per la sostenibilità (VIS), alle valutazioni ambientali strategiche (VAS) e ad altri strumenti affinché la perdita di biodiversità e gli effetti dei cambiamenti climatici vengano presi in considerazione nei processi decisionali a livello regionale e locale; rileva che tutte le regioni trarranno beneficio dai progetti che promuovono la mitigazione dei cambiamenti climatici e la protezione contro la perdita di biodiversità, incluse le regioni meno sviluppate;

[...]

42.   raccomanda di estendere la governance alla mobilitazione dei cittadini nonché a organizzazioni senza scopo di lucro e a taluni attori economici, sottolineando come questi ultimi debbano integrare la biodiversità nelle proprie strategie aziendali; riconosce il valore e le conoscenze del settore associazionistico e del volontariato nella tutela della biodiversità, nonché il lavoro da essi fornito, e chiede agli enti locali e regionali di includere questi gruppi nelle fasi di pianificazione e consultazione relative ai progetti attraverso l'istituzione di partenariati tra le autorità, il settore privato e le organizzazioni non governative;

[...]

  • Preservare e ripristinare gli ecosistemi e i loro servizi

[...]

52.  sottolinea che la creazione di ambienti naturali non dovrebbe essere limitata esclusivamente alle aree designate ma che dovrebbe essere incoraggiata in diversi luoghi, ad esempio nelle città, lungo le autostrade e i binari ferroviari nonché nelle aree industriali, al fine di creare una vera e propria infrastruttura verde;

[...]

  • Agricoltura

[...]

61.  sostiene l'adeguamento delle pratiche di «ecologizzazione» ai diversi tipi di agricoltura dei vari Stati membri, tenendo conto, ad esempio, della situazione specifica dei paesi del Mediterraneo, che non è contemplata nel quadro dei limiti proposti in merito alla diversificazione delle colture e delle aree di interesse ecologico; osserva che le aree di querceti (montado o dehesa ), le colture permanenti (oliveti, vigne, frutteti) e la coltivazione del riso sono alcuni esempi di pratiche che devono essere rese compatibili con un approccio più verde, visto l'elevato valore ecologico e di conservazione di alcuni di questi sistemi agricoli;

[...]

  • Settore forestale

[...]

77.  esorta gli Stati membri a definire la propria politica forestale in modo da tenere pienamente conto dell'importanza delle foreste nella protezione della biodiversità, nella prevenzione dell'erosione del suolo, nella cattura del carbonio e purificazione dell'aria e nel mantenimento del ciclo dell'acqua;

[...]

  • Pesca

[...]

85.  esorta la Commissione e gli Stati membri a intensificare i loro sforzi per garantire che le catture non eccedano i livelli di RMS per il 2015 e a tenere conto delle considerazioni di carattere ambientale nella definizione degli RMS; sottolinea, pertanto, che la mancanza di adeguati dati scientifici non dovrebbe essere utilizzata come scusante per l'inattività, e che in tali circostanze i tassi di mortalità per pesca dovrebbero essere ridotti a titolo precauzionale; ricorda l'obbligo giuridico, come definito nella direttiva quadro sulla strategia per l'ambiente marino(9) , di garantire che tutti gli stock ittici sfruttati a fini commerciali rientrino nei limiti biologici di sicurezza entro il 2020;

[...]

  • Specie esotiche invasive

[...]

95.  invita la Commissione e gli Stati membri a garantire l'adozione di misure che impediscano sia l'ingresso di nuove specie esotiche invasive nell'UE, sia la diffusione verso nuove zone di specie esotiche invasive attualmente presenti; richiede, in particolare, chiare linee guida, in conformità del regolamento «sviluppo rurale» nel quadro della PAC, volte a garantire che il rimboschimento non danneggi la biodiversità e ad evitare il sostegno finanziario alla piantumazione di specie esotiche invasive; sottolinea la necessità di stabilire strategie ambiziose e inventari aggiornati sia a livello dell'UE che negli Stati membri; ritiene che tali strategie non debbano essere orientate solamente alle specie considerate «prioritarie», come indicato all'obiettivo 5 della strategia sulla biodiversità; incoraggia la Commissione, al fine di ampliare la base di conoscenze, a sostenere attività simili a quelle relative al progetto DASIE (Delivering Alien Invasive Species Inventories for Europe);

[...]

  • Cambiamento climatico

100.  ricorda le interconnessioni tra biodiversità e sistema climatico; è consapevole del notevole impatto negativo del cambiamento climatico sulla biodiversità e sottolinea che la perdita di biodiversità ha gravi conseguenze sul cambiamento climatico a causa della degradazione del pozzo di assorbimento del carbonio fornito dall'ambiente naturale; sottolinea l'urgenza della tutela della biodiversità, tra l'altro quale mezzo per mitigare il cambiamento climatico e preservare i pozzi naturali di assorbimento del carbonio;

  • Dimensione internazionale

[...]

102.  sottolinea, tenendo presente la natura globale della biodiversità e dei servizi ecosistemici e il loro ruolo cruciale per il raggiungimento degli obiettivi globali di sviluppo sostenibile, che la strategia dell'UE deve altresì rafforzare gli sforzi dell'Unione volti a evitare la perdita di biodiversità e contribuire, in tal modo, ad un più efficace raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo del millennio entro il 2015;

[...]

  • Finanziamento

115.  esorta la Commissione e gli Stati membri a individuare, sulla base di criteri oggettivi, fra tutte le sovvenzioni esistenti quante risultino dannose per l'ambiente e invita la Commissione a pubblicare entro la fine del 2012 un piano d'azione (che preveda una tabella di marcia) per l'eliminazione di tali sovvenzioni entro il 2020, come previsto dagli impegni di Nagoya;

[...]

132.  incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione e ai governi e ai parlamenti degli Stati membri.

Leggi sul sito del Parlamento Europeo

Letto 37543 volte

Puoi sostenere il lavoro di APR
con una donazione

Sostengono APR

Poster UE
Pesci del Mediterraneo
Clicca sulle immagini per scaricare i pdf

-

Glossario scientifico GFCM in inglese