Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

 
FacebookTwitter

RACMED meeting - Salonicco 20 Settembre 2010

Report dell'incontro RAC (Consiglio Consultivo Regionale) Med tenutosi a Salonicco (settembre 2010). APR era presente intervenendo e constatando la spinta in atto per l'adozione di una licenza di pesca ricreativa in mare come essenziale al riordino ed alla armonizzazione normativa per la pesca da imbarcazione.

RACMED meeting. Thessaloniki 20 September 2010
RACMED

(di L. Pisano)

9.30 Discorso di benvenuto e apertura dei lavori. Adozione dell’ordine del giorno.

Salonicco RACMED 2010

* Tonno Rosso. Breve descrizione della situazione da parte di M. Jean-François Flores, pescatore di tonni (FR)

I pescatori professionisti subiscono troppa pressione dall'opinione pubblica, senza contare gli interventi delle ONG, cita gli avvenimenti della scorsa estate a largo delle coste di Malta in cui hanno subito atti intimidatori da parte di Greenpeace. La gestione dei documenti e delle autorizzazioni diventa sempre più complicata e talvolta ciò può farli cadere in illegalità che non sono relative alle quote di pescato bensì alla corretta compilazione dei documenti.

* Relazione della campagna di tonno rosso di un rappresentante dell’Agenzia Comunitaria di Controllo della Pesca – ACCP, Mr. Juan Ignacio De Leiva Moreno:

Salonicco RACMED 2010

 

Piano internazionale pluriennale di ispezione e controllo come da ICCAT. Obiettivo: supportare gli stati membri per sviluppare un sistema di controllo efficace ed efficiente, coordinare e armonizzare gli interventi. Controllo diretto in acque internazionali, formazione e supporto per il controllo da parte degli stati membri nelle acque territoriali. Formazione di ispettori di stati UE e anche non UE su richiesta.

Durante la campagna di controllo il monitoraggio avviene real time attraverso le informazioni fornite dalle flotte europee e non europee. Viene monitorato anche il trasferimento delle gabbie. Le ispezioni avvengono via aria e via mare. In caso di accertamenti di non conformità il gruppo tecnico trasmette ad ICCAT le informazioni.

Si riscontra una diminuzione nelle irregolarità che si riferiscono soprattutto ad errori nei documenti e una diminuzione dei vascelli impiegati.

Salinicco RACMED 2010

 

* Dibattito

Il rappresentante di una confederazione di pescatori artigianali spagnoli sostiene il diritto alla pesca (non sono previste quote per i pescatori artigianali ) perchè priorità è la loro sopravvivenza. La commissione risponde che quando la pesca artigianale cattura grandi quantità non può più essere considerata artigianale ma deve sottostare alle regole imposte alla pesca professionale.

* La protezione delle risorse ittiche nel Mediterraneo dal punto di vista della giurisdizione delle acque. Introduzione di Mr. Xavier Vazquez della DG Mare .


Salonicco RACMED 2010

 

Il Diritto Internazionale Marittimo presenta alcune lacune che danno origine ad atti unilaterali di diritto di giurisdizione delle acque. L'ultimo atto che si riferisce al Mediterraneo è la convenzione delle Nazioni unite sul diritto del mare del 1982 che non è stata firmata (o ratificata) da Turchia, Siria, Libia, Algeria. Definizione delle acque. Definizione di Zona economica Esclusiva.

Salonicco RACMED 2010

 


Per maggiori dettagli sull'intervento fare riferimento a: http://www.europarl.europa.eu/activities/committees/studies searching for ' Fisheries'.

Jurisdictional waters in the Mediterranean and Black Seas

Study 15.12.2009

Author: Prof. Juan Luis Suárez de Vivero - TECHNICAL TEAM: Mrs Inmaculada Martínez Alba, Mr Juan Manuel Martín Jiménez, Mrs Concepción Jiménez Sánchez

Policy areas: Fisheries

Summary: Due to their geographical features, maritime jurisdictions in the Mediterranean and Black Seas are particularly complex. The number of states and their relative positions create new boundaries that impact on coastal states’ and third countries’ access to use of the living resources. This study describes and analyses the jurisdictional structure of these two basins and the possible impacts on fishing activity.


 

* Una legislazione armonizzata per la pesca sportiva e ricreativa. Introduzione del Dr. Santolini, BigGame Italia

La pesca ricreativa produce reddito, genera lavoro e merita la dignità che le spetta. La pesca ricreativa non vende il pescato. La pesca sportiva è una piccola parte della pesca ricreativa. La pesca ricreativa può convivere con la pesca professionale perchè produce reddito con poco impatto sulle risorse e ciò che chiede in cambio è solo il divertimento. Il pescatore ricreativo può esercitare il C&R lasciando quindi la risorsa alla pesca professionale per la commercializzazione. I pescatori ricreativi del Mediterraneo vogliono essere inseriti in un sistema di regole, vogliono essere inseriti nel PCP. I pescatori del Nord Europa (EAA??) che non vogliono regole non hanno avuto mandato di rappresentare i pescatori del Mediterraneo. Chiede la licenza di pesca o qualcosa di simile per la pesca dalla barca, da studiare se nominativa o per imbarcazione. Fa più volte riferimento alla pesca ricreativa solo dalla barca, esclude dal suo discorso la pesca costiera. Chiede che all'interno del RAC venga istituito un gruppo di lavoro sulla pesca ricreativa.

* Dibattito

Gil de Bernabè Federación Nacional ES de Cofradías de Pescadores propone in caso di licenza per i pescatori ricreativi l'obbligo a rispettare le stesse misure di sicurezza come ad esempio il divieto di andare in barca da soli. Esteban Graupera di Pescaresponsable.es dice che questo argomento non è di pertinenza della DG Mare.

L. Pisano di APR Alleanza Pescatori Ricreativi (Italia) dice che non tutti i pescatori ricreativi vogliono la licenza dalla barca e nessuna organizzazione Italiana ad oggi ha il mandato per parlare a nome di tutti.Considerare la pesca ricreativa nel Mediterraneo limitata alla pesca dalla barca è riduttivo. Per parlare di gestione di pesca ricreativa occorre approfondire alcuni punti, ad esempio lo studio di una appropriata definizione. Il pescatore ricreativo che utilizza reti e palangari non può rientrare nella stessa definizione dell'angler in quanto sono estremamente diversi gli impatti sulle risorse.

Letto 11888 volte

Puoi sostenere il lavoro di APR
con una donazione

Sostengono APR

Poster UE
Pesci del Mediterraneo
Clicca sulle immagini per scaricare i pdf

-

Glossario scientifico GFCM in inglese