FacebookTwitter
Domenica, 15 Maggio 2011 14:49

In vigore il Regolamento UE sul controllo

Nuove regole UE sui controlli finalmente attive ed applicate.

12/04/2011. 
La Commissione Europea dichiara che con le nuove regole applicative del Regolamento sul Controllo del 2010 sarà molto più difficile sfuggire a chi pratica pesca illegale.

"Non possiamo più permettere che neanche una piccola minoranza di pescatori ignori le regole, e la faccia franca", ha dichiarato il commissario per la pesca Maria Damanaki. "Oltre ad essere ingiusto, ciò mette a repentaglio anche gli sforzi di conservazione, sconvolge i mercati con una concorrenza sleale, penalizza i pescatori che rispettano la legge e, soprattutto, distrugge gli stock ittici", ha aggiunto.
Il regolamento sul controllo è entrato in vigore più di un anno fa, il 1 ° gennaio 2010, ma le regole di attuazione non sono state fissate fino all’ aprile di quest'anno.


Secondo un comunicato stampa della Commissione, le nuove regole: 
Permettono un controllo "dalla rete al piatto", coprendo tutte le fasi della catena di approvvigionamento; il sistema di tracciabilità consente agli ispettori di rilevare illegalità in qualsiasi punto della catena.
Prevedono meccanismi concreti per garantire parità di condizioni per i pescatori, gli altri operatori e gli Stati membri. Le sanzioni sono state armonizzate e un nuovo sistema a punti garantisce che le infrazioni gravi conducano a conseguenze simili in tutti gli Stati membri.
Una grande semplificazione, con tutte le norme applicabili in materia di controllo della pesca UE, che sono state precedentemente disperse in diversi strumenti, ora contenute in un unico testo.
Generalizzare l'utilizzo di nuove tecnologie, che da un lato riduce i costi amministrativi per gli operatori e le autorità e, dall'altro, rende molto più semplice effettuare controlli, aumentando così l'efficienza.
Il nuovo regolamento inoltre, spiega i meccanismi che la Commissione può utilizzare per fare in modo che gli Stati membri seguano queste regole per il controllo. 
Con questo sistema di controlli di "tutta la catena commerciale 'dalla rete al piatto', l'UE ha ora i mezzi per rompere con il passato e fondare una vera cultura di rispetto per fermare la pesca eccessiva e contribuire a rendere realmente sostenibile della pesca nell'UE". 
Il principio "net to plate" ( "dalla rete al piatto") significa , secondo la Commissione, che il pesce sarà interamente tracciabile: "una volta che il prodotto avrà raggiunto i negozi, il consumatore saprà che è stato pescato legalmente". 
http://europa.eu/rapid/pressReleasesAction.do?reference=SPEECH/11/256&format=HTML&aged=0&language=EN&guiLanguage=en
Pubblicato in Newsflash
Domenica, 15 Maggio 2011 14:43

Fish Smart - U.S.A.

La Comunità pesca ricreativa statunitense collabora per ridurre la mortalità dei pesci di mare.

Il progetto FishSmart delinea gli obiettivi per il miglioramento dei tassi di sopravvivenza del catch & release

Migliorare i tassi di sopravvivenza del catch & release per i pesci d'acqua salata è un problema fondamentale per la comunità della pesca ricreativa. Il mese scorso negli Stati Uniti, pescatori, scienziati, gruppi ambientalisti, agenzie statali e federali e rappresentanti delle imprese della pesca ricreativa si sono riuniti per valutare quanto si conosce sui tassi di sopravvivenza da cattura e rilacio nella pesca marittima ed esaminare le modalità per migliorare la gestione della pesca e le tecniche di cattura e rilascio.
Pubblicato in Newsflash
Domenica, 15 Maggio 2011 14:39

Divieto di pesca dello Spinarolo in Svezia

Includendo lo squalo Spinarolo tra le specie totalmente protette, la Commissione Svedese per la Pesca ne ha vietato completamente la cattura, anche con canna da pesca e lenza a mano. 

Il Consiglio Europeo aveva deciso per la 'Quota Zero' nel 2009 e nel dicembre scorso aveva esteso il divieto alle catture accidentali. 
Pubblicato in Newsflash

La tassa di concessione sarà annullata tra 180 giorni e sostituita con una Registrazione gratuita

In un comunicato del 24 marzo 2011 la Recreationa Fishing Alliance sottolinea l'importanza dell'evento

L'idea di una licenza di pesca in mare era stata mal concepita fin dal principio.

Non solo si trattava di una tassa su uno dei diritti fondamentali che i residenti di Long Island hanno avuto fin dai tempi coloniali, ma era un onere per l'industria della pesca ricreativa in un momento in cui la recessione stava imponendo il suo pedaggio all'economia locale.

Pubblicato in Newsflash
I pescatori ricreativi spagnoli per quest'anno dovranno smettere di pescare gli sgombri. La flotta commerciale spagnola ha esaurito e superato le quote ad essa assegnate di 19.621 tonn. e l'amministrazione spagnola ha esteso il divieto di pesca, senza ragione alcuna, anche alla pesca ricreativa, riducendo inoltre proporzionalmente le quote di sgombri  assegnate alla pesca commerciale per i prossimi cinque anni.
Questo approccio evidenzia i rischi che si corrono con  parità di trattamento tra la pesca ricreativa e la pesca commerciale di piccola scala.
Pubblicato in Newsflash
Puoi sostenere il lavoro di APR
con una donazione
Poster UE
Pesci del Mediterraneo
Clicca sulle immagini per scaricare i pdf

-

Glossario scientifico GFCM in inglese