Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

 
FacebookTwitter
Sabato, 24 Settembre 2011 12:58

Tonno Rosso - La posizione della European Anglers Alliance

Vota questo articolo
(0 Voti)

Londra, 27 agosto. L'Assemblea Generale della European Anglers Alliance approva la Risoluzione EAA sul Tonno Rosso.

La gestione del Tonno Rosso è un tema molto dibattuto ad ogni livello in ambito di politica della pesca europea ed internazionale. "Il tonno rosso deve diventare icona di sostenibilità" come tengono a precisare i numerosi ricercatori coinvolti nel progetto GBYP dell'ICCAT, il principale programma a livello internazionale di studio ai fini del recupero di popolazioni stabili di questa specie.


In questo contesto la European Anglers Alliance di cui fanno parte le organizzazioni di pesca ricreativa di 13 Stati Europei e che rappresenta circa 3 milioni di pescatori ricreativi, ha voluto esprimere e rendere pubblica la propria posizione e le proprie richieste, riassunte in 7 'raccomandazioni' riguardanti la pesca ricreativa indirizzate ad ICCAT e ai gestori europei della pesca.

 

APR, membro italiano della European Anglers Alliance, ha fortemente voluto questo documento e ha collaborato attivamente per la stesura.
La pesca ricreativa del Mediterraneo soffre fortemente della scarsa conoscenza, da parte dei decisori, delle potenzialità di sostenibilità e di resa economica della pesca ricreativa al Tonno Rosso e delle diverse  motivazioni che muovono il pescatore ricreativo rispetto al pescatore commerciale. Inserire la pesca ricreativa in un sistema di gestione della pesca 'tagliato' sulle esigenze e sulle caratteristiche della pesca commerciale, inibisce le potenzialità inespresse di un intero settore anche in termini di  benefici, ad oggi inesplorati, per le comunità costiere e non permette un trattamento equo di difesa della redditività  di tutto il  “Settore della pesca”, così come  definito nell’Art. 2 a) del Regolamento CE 199/2008 “Settore della pesca” le attività legate alla pesca commerciale, alla pesca ricreativa, all’acquacoltura e all’industria di trasformazione dei prodotti della pesca, ma solo di alcune delle sue parti.


Scarica il documento in lingua inglese

Scarica il documento in lingua italiana


 

Letto 12388 volte

Puoi sostenere il lavoro di APR
con una donazione

Sostengono APR

Poster UE
Pesci del Mediterraneo
Clicca sulle immagini per scaricare i pdf

-

Glossario scientifico GFCM in inglese